Orlando, scusaci: non siamo stati capaci di proteggerti

Quanti Orlando Merenda devono ancora porre fine alla propria esistenza solo perché non somigliano ad uno standard socialmente riconosciuto?

È molto semplice deridere, squalificare, minacciare un giovane adolescente che non ha ancora acquisito gli strumenti di elaborazione per l’accettazione del mondo in cui vive.

Mi chiedo, visto che la sessualità degli omosessuali sembra essere un argomento che diverte il gruppo, ma ad un eterosessuale si chiede di dimostrare il gradiente che ottengono attraverso le loro performance sessuali?

Cosa aggiunge o toglie alle nostre relazioni interpersonali una persona omosessuale o eterosessuale?

Orlando, scusaci: non siamo stati capaci di proteggerti

I nostri amici, parenti, sono delle persone che hanno delle loro idee, dei loro gusti alimentari, che amano il mare o la montagna, che leggono, che vedono film, che fanno sport al di là della loro direzione sessuale che non dovrebbe interessarci.

Con i nostri amici dovremmo discutere, se amano, chi amano, se sono felici o sono tristi se stanno attraversando un momento difficile o meno, al di là della loro scelta sessuale

Stiamo parlando di amore o di altro? Le poesie d’amore non sono dirette agli eterosessuali, sono dirette a chi si ama.

Le canzoni d’amore scritte dai nostri cantautori omosessuali che ci rappresentano nel mondo parlano di Amore.

Trovo veramente aberrante che ci sia un terreno sociale coltivato a dovere dall’ignoranza e da frange partitiche che inneggiano all’odio dove le vittime sono giovani adolescenti ignari e indifesi.

Mia nonna diceva che le dita di una mano non sono tutte uguali ma sono tutte utili, per fortuna siamo tutti diversi.

Spieghiamo ai nostri figli il rispetto di se stessi e degli ialtri

L’uomo nella sua complessità vive, ama, come meglio crede nel rispetto di sé stesso e degli altri. Mettiamo fine a questa mattanza sottolineando ai nostri figli l’importanza del rispetto e della buona educazione.

Siamo di esempio per le nuove generazioni .L’omosessualità non è una malattia per cui non è contagiosa.

Gli omosessuali possiamo, se ci fanno paura, non avere rapporti con loro, non siamo obbligati, ma non dobbiamo essere irrispettosi. Orlando, scusaci se non siamo stati capaci di proteggerti dall’odio e dall’ignoranza.

Iole Pitarra